Porte a scomparsa, gli interruttori si possono applicare o no?

porte a scomparsa

In tanti si chiedono se sia possibile applicare degli interruttori e dei punti luce sulle porte a scomparsa. Ebbene, in realtà non ci sono tutti quei problemi che si potrebbero immaginare, visto che un punto luce si può collocare sulla parete in cui è fissata una porta a scomparsa. Bisogna prestare la massima attenzione, però, alla scelta del modello.

Porte a scomparsa e illuminazione

L’illuminazione è uno degli aspetti più importanti di un’abitazione e di un ambiente specifico. Infatti, consente di creare quell’atmosfera che può rendere una stanza più o meno accogliente e più o meno adatta ai propri scopi. Il modo in cui vengono distribuiti i vari punti luce è legato inevitabilmente allo scopo per cui viene sfruttato quel determinato ambiente. Basti pensare ad una cucina, che avrà delle necessità chiaramente differenti rispetto a quelle di una sala.

Il posizionamento dei punti luce

Stesso discorso per quanto riguarda il posizionamento degli arredi. In tanti, però, sono soliti pensare che la scelta di una porta a scomparsa vada a contrastare con la volontà di inserire dei punti luce sulla parete. Non è assolutamente un errore ed è qui che in tanti sbagliano: è sufficiente scegliere un modello adatto alla perfezione a tale scopo.

Aumentare lo spessore della parete

In caso di porta a scomparsa, infatti, si può puntare su varie opzioni. La prima soluzione è quella che prevede l’incremento dello spessore della parete che si trova sul fianco del controtelaio. In questo modo, si può ottenere uno spazio maggiore che verrà utilizzato per l’inserimento dei punti luce e delle prese di corrente. Si tratta di un’opzione, però, che va ad incidere negativamente sui costi di muratura, ma condizionerà anche lo spessore della parete, aumentandolo fino a circa 18 cm.

Un controtelaio particolare

Un’altra soluzione, invece, è quella che prevede la scelta di un controtelaio che abbia la predisposizione per garantire il passaggio dei cablaggi elettrici. Un’azienda importante e diffusa come Eclisse, ad esempio, ha realizzato un brevetto esclusivo che riguarda la struttura del controtelaio, adattato e sviluppato in maniera tale da consentire il passaggio dei cablaggi elettrici. Quindi, sia i dimmer che le prese non solo si potranno installare, ma saranno sempre comodamente raggiungibili.

I vantaggi di una tale scelta

La scelta di una soluzione come quella che abbiamo appena evidenziato ha diversi vantaggi. Puntare su un controtelaio predisposto per il passaggio dei cablaggi elettrici. Quindi, non c’è bisogno di disporre di battere o comandi in radiofrequenza, non ci sono spese aggiuntive per predisporre gli impianti e non ci sono vincoli sul posizionamento dei punti luce sulla parete.

CONDIVIDI